Lavoro: con i voucher si assicurano i contributi

Sono molte le imprese che, in vari periodi dell’anno, hanno necessità di una “iniezione” momentanea di manodopera. E chi meglio di studenti, disoccupati e pensionati può svolgere bene questi “lavoretti”? Il lavoro occasionale sfugge però alle garanzie che può dare un contratto e chi lavora è spesso pagato in nero perdendo i diritti al conteggio dei contributi pensionistici. Una soluzione è data dai voucher, uno strumento innovativo volto a facilitare l’assunzione regolare di lavoratori impegnati per un periodo di tempo limitato, in particolari settori produttivi e subordinati a particolari tipologie di contratti. I vantaggi sono notevoli per entrambe le parti: il datore di lavoro può beneficiare di prestazioni nella completa legalità e il lavoratore può integrare le sue entrate attraverso le prestazioni occasionali, il cui compenso è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato. Possono usufruire dei buoni lavoro anche i cittadini stranieri, presenti regolarmente sul territorio nazionale, le casalinghe e chi normalmente svolge lavori quali ripetizioni private, vendemmia, raccolta delle olive e tutti i lavori stagionali, consegna porta a porta e vendita ambulante di stampa quotidiana e periodica. Il valore nominale di ogni buono lavoro è pari a 10 euro comprensivo della contribuzione Inps e Inail, vale a dire ciò che resta “in tasca” al lavoratore è pari a 7,50 euro. Possono essere telematici, cioè “caricati” su una tessera magnetica simile al bancomat oppure cartacei. Questi sono acquistabili presso tutti gli uffici postali. Un’ulteriore possibilità è quella di ritirare i buoni cartacei anche presso le associazioni di categoria e le tabaccherie.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>