23 aprile, ovvero Giornata mondiale del diritto d’autore

Oggi è la 12° Giornata mondiale del diritto d’autore. La Giornata, proclamata dall’Unesco nel 1996, si pone come obiettivo quello di incoraggiare a scoprire il piacere della lettura e a valorizzare il contributo che gli autori danno al progresso sociale e culturale dell’umanità. In Italia sembrerebbero esserci molti libri e pochi lettori, almeno stando alle statistiche Istat. In termini di offerta, nel 2009, sono stati pubblicati circa 58 mila libri. Complessivamente sono state stampate in media 3,5 copie di opere librarie per abitante. Tuttavia, a fronte di una produzione editoriale di tali dimensioni, nel 2011 solo il 45,3 per cento della popolazione dichiara di aver letto almeno un libro nel tempo libero nell’arco di dodici mesi. Una nota positiva emerge però osservando il comportamento delle nuove generazioni: la quota di bambini e ragazzi tra i 6 e i 17 anni è salita dal 50 al 57%. Il 23 aprile è stata scelta in quanto data significativa e simbolica. In questo giorno sono morti personaggi eminenti del mondo della letteratura come lo spagnolo Miguel de Cervantes, l’inglese William Shakespeare e il peruviano Inca Garcilaso de la Vega, tutti deceduti nel 1616. In questa data sono inoltre nati lo stesso Shakespeare, il francese Maurice Druon, il russo Vladimir Nabokov, il colombiano Manuel Mejía Vallejo e il premio nobel islandese Halldór Laxness. Dunque, una ricorrenza che riunisce idealmente una serie di autori, tra i più significativi della cultura occidentale. Una curiosità: l’idea della Giornata ha la sua origine in Catalogna dove, nel giorno della festa di San Giorgio, viene offerta una rosa per ogni libro venduto. L’uso risalirebbe a un’antica tradizione medioevale in base alla quale gli uomini in questo giorno offrivano alle loro donne una rosa. Ancora in tema di proprietà intellettuale e diritto di autore, Antonio Tabucchi, scrittore recentemente scomparso, ha parlato in questa intervista http://bit.ly/JkZ3be.

 

This entry was posted in Cronaca, Cultura, Futura, Notizie. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>