25 aprile, salta il concerto

Niente concerto, non ci sono più soldi. Salta, per la prima volta dopo anni, l’appuntamento musicale che celebrava la festa della Liberazione in piazza Castello. Al suo posto un incontro culturale da spending review: musica, teatro e politica locale ricordano il 25 aprile di fronte al museo diffuso della Resistenza di Torino.

“Il motivo è unicamente economico – spiega Roberto Placido, vicepresidente del Consiglio regionale e presidente del Comitato Resistenza e Costituzione –. Stiamo attraversando un momento di grave difficoltà che coinvolge sia la Regione sia il Comune. Lo scorso anno la manifestazione ci è costata 120mila euro. Nonostante attirasse decina di migliaia di persone, abbiamo pensato che non ne valesse più la pena”.

La ricorrenza, in ogni caso, non finirà nel vuoto. “Le iniziative in città rimangono numerose. Abbiamo organizzato una cosa più ridotta ma di forte valore simbolico davanti al museo di corso Valdocco”. Si tratta di una celebrazione a cui parteciperanno, oltre a Placido, il presidente del Consiglio provinciale Sergio Bisacca e l’assessore alla cultura del Comune Maurizio Braccialarghe. Sul palco si esibiranno l’Accademia dei Folli, la Compagnia Marco Gobetti e Fabio Caucino.

“Quella di non fare il concerto è stata una mia proposta – continua Placido – che è stata accolta dal Comitato. È stata una scelta di buon senso, un messaggio di buona politica richiesto dalla situazione di contingenza economica”. Nel 2015 la Liberazione compirà 70 anni. “ Organizzeremo una serie di iniziative che si snoderanno da qui lungo i prossimi due anni. Il nostro Comitato sta lavorando in sinergia con tutti gli enti e con le associazioni presenti sul territorio. Ci saranno manifestazioni pubbliche, convegni e rassegne culturali. Una di queste, a cui tengo particolarmente, è quella che ricorda gli oltre 7mila partigiani meridionali che hanno combattuto in Piemonte”.

This entry was posted in Cultura, Notizie. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>