Amministrative 2016, per la volata finale arrivano i big

Fine settimana di volate a Torino. La prima – e forse più celebre e attesa – è quella al traguardo del Giro d’Italia che domenica si concluderà in piazza Gran Madre. La seconda riguarda, invece, la competizione elettorale per le amministrative, giunta ormai agli sgoccioli.

Tra santini elettorali, passeggiate per i mercati rionali e battaglie a colpi di tweet, i diciassette candidati sindaco si preparano al rush finale in vista del primo turno, anche se la partita sembra giocarsi tutta tra il sindaco uscente Piero Fassino, candidato per il Pd e l’imprenditrice Chiara Appendino, in lizza con il Movimento5stelle. Gli ultimi sondaggi diffusi il 20 maggio parlavano di Fassino in vantaggio sulla sfidante: il 31,5% delle preferenze contro il 23,1% secondo Demos. Dati che porterebbero al ballottaggio i due candidati: qui, considerate le possibilità di sostegno da parte di altri partiti e movimenti minori, l’ex segretario dei Ds otterrebbe il 56,8%, sempre secondo l’istituto diretto da Ilvo Diamanti.

Una corsa serrata all’ultimo voto, ad accaparrarsi il favore degli indecisi. Per questo negli ultimi giorni di campagna elettorale, i due comitati non solo batteranno palmo a palmo i quartieri col porta a porta e i gazebo informativi (per sostenere Appendino dovrebbero arrivare circa 5mila volontari pentastellati da tutto il Piemonte), ma caleranno gli assi. Se domenica in piazza San Carlo Chiara Appendino terrà il comizio conclusivo sostenuta dal vice presidente della Camera Luigi Di Maio, lunedì alle 18 al Teatro Alfieri potrebbe arrivare Matteo Renzi, in veste di segretario del Pd.

Le presenze non sono state confermate, ma mai come in questa tornata, i risultati sembrano incerti. E Torino è una città che sia Pd che M5s non vogliono perdere.

 

 

 

This entry was posted in Futura, Notizie and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.

One Trackback