Biella schiacciasassi, Blizzard gela la Pms

L'americano naturalizzato ungherese è stato il miglior realizzatore di Biella

Hollis schiaccia 2 dei suoi 31 punti per Biella

Il 26 gennaio la Pms Torino vinceva il derby contro l’Angelico Biella riprendendosi lo scettro regionale e staccando in classifica i rossoblù. In appena due mesi il mondo si è capovolto: ieri il quintetto allenato da Corbani ha espugnato il parquet di Imola – ultima in classifica – 91-57 infilando la settima vittoria consecutiva in campionato, mentre i ragazzi di Pillastrini, orfani di Mancinelli, sono stati beffati  a Veroli sulla sirena da una tripla di Blizzard.

Come al Biella Forum contro Jesi, l’Angelico Biella ha messo subito il match in discesa con una partenza sprint. Il 29-13 a fine primo quarto è una sentenza che la cenerentola Imola non è stata in grado di ribaltare, e il divario si è allargato fino al 91-57 finale. Miglior realizzatore per i rossoblù è Damien Hollis (31 punti), che “batte” Alan Voskuil (24). Da segnalare anche l’ottimo referto dei giovani Lombardi e Chillo, entrambi autori di 9 punti per Biella.

La Pms, invece, a Veroli non è riuscita a invertire il trend negativo, ma il credito con la Dea bendata cresce. I gialloblù hanno mandato 4 giocatori in doppia cifra (Ronald Steele 21 punti, Amoroso 16, Evangelisti 10 e Sandri 10), hanno messo in campo grinta, impegno e coesione – il 76 a 55 complessivo di valutazione lo dimostra – e si erano illusi quando Sandri ha infilato il 72-70 lasciando 3,5″ sul cronometro. Tutto questo, però, è stato sublimato dalla magia di Blizzard (suoi 14 degli ultimi 17 punti per i padroni di casa), che dopo aver eluso Amoroso ha segnato una tripla incredibile dopo un arresto e tiro in tuffo.

Ora i k.o. consecutivi in campionato sono tre,  più che pensare alla vetta la Manital deve guardarsi le spalle: i punti di distacco dalla capolista Trento e da Ferentino, la prima squadra esclusa dai playoff, sono gli stessi (6). Alle porte c’è il derby in trasferta con Casale Monferrato – ieri sconfitta 84-74 da Forlì – poi le sfide verità contro Barcellona e Brescia, avversarie dirette nella corsa playoff. La Pms non può più sbagliare se vuole continuare a cullare il sogno Lega A. Chi non si vuole “svegliare” è Biella, ancora terza in classifica appaiata con Verona. La stagione regolare riserverà ai rossoblù gli scontri diretti con i veneti e Trento, partite che diranno fin dove può arrivare una squadra che, dopo l’infortunio di Laganà, sembrava destinata a un finale di stagione tutt’altro che roseo.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>