La Biblioteca Centrale celebra gli Oscar, storici “libri transistor” Mondadori

Costavano 350 lire e in un giorno ne venivano vendute anche sessantamila copie. I “libri-transistor”, i tascabili che Mondadori iniziò a vendere il 27 aprile 1965 (il primo numero fu “Addio alle armi” di Hemingway), hanno compiuto lo scorso anno sessant’anni e una mostra li celebra alla Biblioteca Centrale di Torino fino a domani.

Alle 16, in via della Cittadella 5, ci sarà un incontro con Elisabetta Risari, editor Mondadori che racconterà la storia e l’importanza dei tascabili, che settimanalmente proponevano un capolavoro della letteratura a prezzi economici e dimensioni pensate per i lavoratori, per i viaggi, per averli sempre a portata di mano. Dopo di lei interverrà Alba Andreini, curatrice per “Il Meridiano” dei “Racconti e romanzi” di Carlo Cassola, altro autore che ha segnato la storia degli Oscar: in sei anni, infatti, furono vendute 450 mila copie del suo long-seller “La ragazza di Bube”, vincitore anche del Premio Strega nel 1960. La mostra torinese lo omaggia con due teche che contengono documenti, foto e copie dei libri tascabili posseduti dalla Biblioteca stessa. L’autore romano sarà ricordato anche da Anna Bravo, che lo utilizzerà come strumento per narrare la Resistenza: Cassola, infatti, l’aveva vissuta da partigiano e per la sua brigata aveva scritto “L’ultima frontiera” in cui ricordava i luoghi dove aveva combattuto, i compagni che non erano sopravvissuti e quelli che invece ce l’avevano fatta.

L’evento accompagna la chiusura della mostra, che ripercorre la storia di libri che mettevano insieme praticità, economicità e un nuovo spirito pop: le copertine, infatti, raffiguravano i divi del cinema che avevano portato sullo schermo i protagonisti dei tascabili, come Rock Hudson che aveva recitato nel 1957 in “Addio alle armi” di Hemingway, o Claudia Cardinale in “La ragazza di Bube”, film del 1963 di Luigi Comencini e in edicola come secondo numero della collana, subito dopo quello dello scrittore statunitense.

 

This entry was posted in Cultura, Notizie and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.