Bilancio agrodolce per la cultura torinese

In crescita nel 2011 i visitatori dei musei torinesi: tra Gam, Palazzo Madama, Mao e Borgo medievale (che fanno parte della Fondazione Torino Musei) e’ stata raggiunta quota 1.272.066, mentre i biglietti staccati sono stati432.409, innetto incremento rispetto al 2010, quando erano stati 367.779.

Eppure la cultura soffre ancora nel capoluogo piemontese, infatti il Teatro Regio è costretto a dire addio alle tournée senza sponsor. La nuova linea “rigore ed equità”, dopo lo sforamento da parte del Municipio dei tetti imposti dal patto di stabilità e l’obiettivo dichiarato di rientrare nei parametri entro il 2013, riguarderà anche tutte le società, gli enti e le fondazioni culturali partecipate da Palazzo Civico. Una linea dettata dal sindaco, Piero Fassino, e dall’assessore al Bilancio, Gianguido Passoni nell’ultima riunione di giunta. E anche il settore cultura dovrà fare i conti con la situazione.

L’idea è quella di creare una sorta di “patto di stabilità” tra il Municipio e tutti gli enti controllati (come il Museo del Cinema) con verifiche trimestrali della situazione per evitare di scoprire a metà anno o in autunno che non ci sono più fondi. Primo punto della situazione a fine gennaio, “poi riunione con i vertici delle partecipate e delle fondazioni culturali per dare a tutti la linea del rigore”, si è detto in giunta. Ecco perché la parola d’ordine a gennaio è “prendere tempo, prima si vedono bene i conti, poi si danno le cifre”.

This entry was posted in Cultura, Notizie. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>