Campus universitario e negozi, la Città della Salute secondo il Pd

La Città della Salute dovrebbe assomigliare a Stoccolma. Così almeno la immagina il Pd piemontese che, a poco più di un mese dalle elezioni regionali, stasera presenta un piano sulla riorganizzazione del polo sanitario torinese: primo passo è investire nella riqualificazione della zona ex Fiat Avio (vicino alla torre della Regione) per farne un campus universitario e un incubatore di imprese, con bar, ristoranti e negozi.

“Nella capitale svedese un intero quartiere è riservato a 3500 appartamenti per gli studenti di Medicina e le loro famiglie e ad attività commerciali, che si estendono su 400mila metri quadrati”, spiega Nino Boeti, consigliere regionale del Pd e promotore del convegno “Città della Salute. Parliamone seriamente”, che si tiene oggi alle 17,30 al salone Atc (corso Dante 14).

All’incontro partecipano il preside di Medicina Ezio Ghigo, l’assessore comunale all’urbanistica Stefano Lo Russo e i rappresentanti sindacali di medici, infermieri e tecnici di laboratorio: la conclusione è lasciata a Sergio Chiamparino, candidato del centro sinistra alle regionali. “A Stoccolma la riqualificazione è costata 3 miliardi di euro, una cifra che noi non abbiamo a disposizione – commenta Boeti –. Tuttavia, dobbiamo aspirare a quel modello di sviluppo, che non riguarda solo la riorganizzazione degli ospedali, ma il rilancio complessivo della città. Da questo punto di vista, gli ultimi 10 anni sono stati una perdita di tempo”. La strada è lunga: secondo il consigliere, il percorso di trasformazione urbanistica durerebbe almeno 5 anni, “al termine dei quali ci sarebbe spazio anche a interventi sulle strutture ospedaliere esistenti”.

This entry was posted in Cronaca, Futura, Notizie and tagged , , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>