Futura

15/06/2016

Giovani arbitri al Beach Volley in The City

Filed under: Notizie,Sport,Young — Federica Frola @ 14:27

Giugno e luglio è Beach Volley in The City (Bvitc). Il torneo da ormai tre anni si tiene al centro sportivo Lingotto in via Ventimiglia con partite dalle 20 alle 24 dal lunedì al venerdì. Filippo Cardellino e Valentina Di Capua, entrambi 25 anni e torinesi, sono protagonisti in prima persona del Bvitc. “Siamo sia arbitri sia giocatori – spiegano i due giovani -. La manifestazione è la più grande che c’è tra Torino e provincia: dalle 72 squadre della scorsa edizione quest’anno siamo arrivati a 80, non contando le 40 escluse perché in ritardo a iscriversi”.

Sono tante le novità: i campi sono passati da 5 a 6, il sito internet è diventato un vero e proprio portale di informazioni per gli atleti partecipanti, e come sempre il chiosco fornisce bibite, panini e buona musica durante le ore di gioco. “Tra giocatori e amici in un mese e mezzo passano per via Ventimiglia almeno 1500 persone – racconta Cardellino, studente di Scienze motorie -. Il Lingotto diventa un punto di ritrovo per il mondo del volley”.

Il torneo è suddiviso in quattro maxi-gironi per livello: Aquarius, Centaurus, Taurus e Pegasus. Ci sono tre fasi, da tre partite ciascuna, in cui le squadre, sfidandosi tra loro, possono scalare o meno la classifica. L’ultima fase sarà, poi, ad eliminazione diretta. “Le categorie sono cambiate molto negli anni – spiega Di Capua, studentessa di giurisprudenza -. Il livello di gioco si è alzato sempre di più. Ad esempio per me che gioco a pallavolo in serie D è un modo per stare in competizione e tenermi in forma in modo divertente. Ad oggi non esistono altri tornei che ti fanno giocare per un tempo così prolungato”.

Gli organizzatori sono in arte Roby e Gigio: Roberto Casalini e Luigi Dimiccoli nella vita rispettivamente un product manager e un tassista e gestori due società di pallavolo. La loro passione per il volley li spinge ogni anno ad organizzare il Bvitc, affiancati da uno staff di giovani arbitri. “Non siamo solo ragazzi, però – precisa Cardellino -, il bello è incontrare persone straordinarie di qualsiasi età e provenienza. Sotto rete ci sfidiamo, ma subito dopo andiamo a berci una birra tutti insieme”.

Il beach volley negli ultimi tre anni ha fatto un salto di qualità notevole a Torino: il Cus Torino e il Beach Volley Training organizzano durante l’anno corsi validi di livello base, intermedio e agonistico. “Quando inizia il Bvitc, invece, sai che è iniziata l’estate, anche se continui a lavorare o studiare – aggiunge Di Capua -. La sera vai al Lingotto e trovi una grande famiglia a tenerti compagnia. Ci si conosce ormai tutti, si mangia e si beve insieme. L’altra sera ad esempio alcuni ragazzi hanno portato un tablet e abbiamo visto tutti insieme la partita dell’Italia agli Europei”.

07/06/2016

Settant’anni di Vespa all’ADPLOG di Alessandro Del Piero

Filed under: Cultura,Notizie,Sport — Tag:, , , , , , , — Azzurra Giorgi @ 11:59

Nel 70° anniversario dalla sua invenzione, da quando Enrico Piaggio depositò il brevetto dello scooter che avrebbe fatto la storia, Torino celebra la Vespa con una mostra che mette insieme cinema, design e icone. Nello spazio ADPLOG di Alessandro Del Piero in via Gobetti inizia, infatti, un’esposizione dedicata alla due ruote più famosa del mondo che durerà fino al 31 agosto.

Organizzata in collaborazione con Fondazione Piaggio, Promocinema e Museo del Cinema, la mostra propone locandine e fotogrammi dei numerosi film che hanno contribuito a renderla iconica: da Vacanze romane a Zoolander 2, passando per altre settanta pellicole tra le quali Nuovo cinema paradiso, Sapore di mare e Alfie. L’hanno guidata John Wayne, Anthony Quinn, Paul Newman, Vittorio Gassman, Nanni Moretti, Penelope Cruz, Nicole Kidman e molti altri, rendendola un simbolo di italianità nel mondo.

Il cinema sarà presente anche con alcune proiezioni di pellicole in cui la vespa è protagonista: dieci appuntamenti, il primo il 18 giugno con Vacanze romane e la 125 guidata da Gregory Peck e Audrey Hepburn.

Nello spazio espositivo che Del Piero ha scelto di dedicare alle sue passioni, dallo sport alla fotografia, saranno presenti anche sei modelli, passati e recenti, della Vespa che, dal 1951 al 2016 ripercorreranno decenni di storia, stile e design.

L’esibizione sta girando il mondo dal 2010: la prima a Pontedera, città della Piaggio che nell’aprile scorso l’ha festeggiata con giorni di eventi e mostre, per poi andare a san Pietroburgo, Cannes, Taormina in occasione dei Nastri d’argento e, adesso, all’ADPLOG.

06/06/2016

Il maestro di boxe Zingariello: “I miei ragazzi studiano Clay su Youtube”

Filed under: Cronaca,Futura,Notizie,Sport — Tag:, , , , — Davide Urietti @ 14:37

“Ricordo con piacere la volta in cui incontrai Muhammad Ali: era il 1979 e il più grande boxeur di sempre era ospite ad una riunione pugilistica a Saint-Vincent. Ero emozionato come un ragazzino quando gli chiesi una dedica”, Salvatore Zingariello, l’unico maestro benemerito piemontese, grazie ai titoli nazionali conquistati dai suoi allievi della storica palestra di boxe ‘Ilio Baroni’ di Torino, è commosso quando parla di Cassius Clay.

“L’ho sempre ammirato, è stato l’emblema dei pesi massimi – sottolinea Zingariello –. Aveva un movimento di braccia e gambe impressionante”. Per chi, come lui, l’ha visto dal vivo, la scomparsa del campione di Louisville è una perdita ancor più grande: “Sarà impossibile da dimenticare, ha segnato un’epoca”.

I giovani che si avvicinano alla boxe, probabilmente, ricordano con più facilità i match di Mike Tyson, ma anche grazie a youtube e a vecchi video “molti di loro vanno a rivedersi le gesta di Ali”.

E proprio le nuove tecnologie, secondo il maestro, rendono il suo lavoro più difficile rispetto agli inizi di carriera. “Insegno alla Baroni dal 1975 e in 41 anni le cose sono molto cambiate. Quando dico a uno dei ragazzi chi sarà il suo sfidante, corre su internet a cercare informazioni sull’avversario. Prima non era così, anzi, i combattenti si sfidavano alla cieca. Questo fa sì che oltre ad allenarlo per l’incontro, io debba essere anche uno psicologo: non tutti reagiscono allo stesso modo e con ognuno di loro si deve costruire un determinato rapporto. Quando si entra alla ‘Baroni’ ancora prima dei fondamentali della boxe si imparano concetti come serietà e rispetto. La palestra è sempre piena e vengono persone di ogni tipo. Nel corso degli anni sono passati numerosi campioni, ben 18 nella categoria élite. L’ultimo in ordine di tempo è Marco Siciliano che è diventato campione italiano dei pesi leggeri”.

In seguito alla scomparsa di Mohammad Ali in Italia si è tornati a discutere del ruolo della boxe, su come e quanto sia praticata da noi.

“Sento parlare di crisi di questo sport – conclude Salvatore -, ma non sono d’accordo. A livello regionale la boxe è molto sentita e chiunque si iscriva ad una palestra sa che non può venire a perder tempo. Una cosa la metto in chiaro fin da subito: qui si suda e non si viene a fare fitness. In generale dei miei ragazzi non mi posso proprio lamentare: mi hanno regalato molte gioie e sanno che il lavoro alla fine paga”.

Italia, stasera contro la Finlandia ultimo test prima dell’Europeo

Filed under: Futura,Notizie,Sport — Tag:, , , , — Alessio Incerti @ 11:09

Manca sempre meno. Tra sette giorni l’esordio degli Azzurri all’Europeo contro il Belgio. E a una settimana esatta dal debutto francese, questa sera al “Bentegodi” di Verona andrà in scena l’ultimo test. Avversario di turno la Finlandia, non certo una formazione all’altezza delle compagini che la Nazionale affronterà all’Europeo, ma comunque una buona occasione per capire a che punto è la preparazione degli Azzurri.

Dopo la conferenza stampa, Conte ha fatto capire che cambierà qualcosa rispetto alla gara contro la Scozia. Il CT, che ieri ha guidato l’ultimo allenamento a Coverciano, ha provato Immobile in coppia con Pellè, con l’attaccante del Southampton che sembra essere l’unico del reparto offensivo ad aver il posto assicurato. In difesa turno di riposo per Barzagli, con Ogbonna che dovrebbe sostituire lo juventino. A centrocampo, vero grande punto di domanda in vista degli Europei, stasera dovrebbe scendere in campo il terzetto formato da De Rossi, Thiago Motta e Florenzi. Sugli esterni si cambia, fuori Candreva e Darmian, dentro De Sciglio ed El Shaarawy. L’egiziano è uno dei pochi giocatori capaci di creare superiorità numerica e il suo utilizzo potrebbe trasformare il 3-5-2 di partenza nel famoso 3-3-4 che il tecnico leccese aveva sdoganato quando sedeva sulla panchina della Juventus.

Bisognerà capire quanto gap ci sia con le grandi d’Europa. Francia, Germania, Inghilterra, Spagna e anche Belgio. Un battesimo di fuoco per l’Italia, che inizierà il suo cammino contro una delle favorite. I Diavoli Rossi hanno battuto in rimonta la Norvegia nell’ultima amichevole, grazie ai gol di Lukaku e Hazard, che non sono le uniche due stelle della squadra. A partire da Courtois, estremo difensore del Chelsea, passando per Alderweireld, Nainggolan e Mertens, la prima avversaria dell’Italia si dimostra una squadra bilanciata e talentuosa in tutti i reparti. Avere la meglio sui ragazzi di Wilmots sarà dura.

Ma anche la Svezia di Ibrahimovic, seconda avversaria dell’Italia nella fase a gruppi, non può lasciar tranquillo Conte. Il 3 a 0 al Galles di ieri ha mostrato che gli scandinavi sono squadra tosta. Affianco alla ex stella del Paris Saint Germain, che domani svelerà il suo futuro, Berg e Guidetti sono attaccanti che possono impensierire ogni difesa.

Insomma per l’Italia sarà dura, già a partire dal girone.

L’Inter parla cinese, oggi il passaggio di consegne

Filed under: Futura,Notizie,Sport — Tag:, , , , , — Tommaso Spotti @ 11:09

“Fratelli del mondo”, oggi ancora di più. L’Internazionale F.C. è stata ufficialmente ceduta alla holding cinese Suning Commerce. Il gruppo guidato da Jingdong Zhang ha acquisito il 68,55% delle quote, di cui il 29,5% dall’ex presidente Massimo Moratti – che esce così di scena dopo 21 anni – e il restante dall’indonesiano Erik Thohir, che aveva rilevato la società nel 2013.

“Siamo felici di avere l’opportunità di entrare in una delle squadre più famose d’Europa e del mondo – ha dichiarato il vicepresidente di Suning Gong Lei – ricordo il primo viaggio dell’Inter in Cina, era il 1978: fu il primo team europeo ad arrivare nel nostro Paese. Quella storia oggi si arricchisce di un nuovo capitolo”. “Le possibilità commerciali che si aprono sono molto ampie – ha continuato Jingsung Zhang – la nostra società avrà la possibilità di espandere la propria influenza nel mondo del calcio e far conoscere il marchio in tutto il Vecchio Continente. Allo stesso tempo l’Inter potrà godere dei benefici del mercato cinese, oltre agli investimenti che porteremo a partire da oggi”.

Non sono ancora note le cifre della cessione, ma da giorni circolano indiscrezioni sulla portata economica dell’operazione: Suning dovrebbe valutare la Beneamata circa 500 milioni di euro, di cui 220 necessari a ripagare i debiti con Goldman Sachs e 140 a ripianare la perdita di bilancio dell’anno in corso. I restanti 140 milioni saranno ripartiti tra Moratti e Thohir in cambio delle loro quote. Una boccata d’aria fresca, insomma, per le casse dell’Inter: nonostante gli sforzi congiunti dei precedenti proprietari, l’indebitamento consolidato ha raggiunto quest’anno i 417 milioni di euro complessivi, mettendo a rischio la sopravvivenza stessa della società di corso Vittorio Emanuele.

Rimane il nodo del nuovo management: per adesso Suning ha annunciato di non voler portare i propri dirigenti, ma è facile immaginare che a breve ci sarà un profondo restyling del board. La prima ‘testa’ a cadere dovrebbe essere quella di Michael Bolingbroke, attuale Ceo dell’Inter e uomo di fiducia di Thohir. Subito dopo sarà il turno di Michael Williamson, direttore finanziario ritenuto responsabile delle perduranti difficoltà economiche della società.
In attesa della chiusura delle trattative tra il Milan e la cordata di imprenditori cinesi, che proseguono ormai da mesi, la Scala del Calcio parla sempre più mandarino.

 

Older Posts »

Powered by WordPress