Cerci ritrova il suo passato

Alessio Cerci, 26 anni, alla seconda stagione con la maglia del Torino

Domenica alle 12.30 Alessio Cerci vivrà passato, presente e (forse) futuro nello stesso momento. All’Olimpico di Torino arriva la Fiorentina di Vincenzo Montella, squadra in cui il granata ha giocato dal 2010 al 2012: dodici gol in 47 presenze, alcune fondamentali per allontanare lo spettro della retrocessione nel finale di campionato di due anni fa, non gli sono bastati a guadagnarsi la fiducia del tecnico viola.

I rapporti con la tifoseria della Fiorentina, poi, erano stati tutt’altro che idilliaci: all’esterno, infatti, non sono stati mai perdonati atteggiamenti singolari come portare al guinzaglio un gatto (o un cane?) in giro per le vie di San Frediano, e anche la fidanzata era finita nel mirino dei sostenitori per alcuni messaggi postati sui social network (tra cui il famoso “Ciao ciao tifosi viola” dopo l’eliminazione subita dalla Roma in Coppa Italia). In più, durante il ritiro estivo del 2012, la festa di compleanno di Cerci era degenerata e alcuni giocatori della Fiorentina avevano rotto bicchieri e rubato animali imbalsamati al locale che ospitava i festeggiamenti.

Il divorzio tra Alessio e la viola è stato inevitabile, e sul giocatore cresciuto nella Primavera giallorossa ha voluto scommettere il suo maestro, Gianpiero Ventura, che ha convinto il presidente Urbano Cairo a vestirlo di granata. Cerci, infatti, era esploso in serie B nel 2007-2008 nel Pisa allenato dal tecnico genovese (10 reti in 26 apparizioni in nerazzurro). Lo scorso anno Cerci si è guadagnato il ruolo di giocatore-copertina del Torino con 8 marcature in 35 apparizioni, entrando in pianta stabile nel giro della Nazionale. Quest’anno i gol sono già9 in18 presenze, ma domenica scorsa, a Parma, Ventura lo ha sostituito nell’intervallo scatenando malumori nell’ambiente. “Nessun problema – ribatte il giocatore  – tutti credono che io sia intoccabile perché sono il suo pupillo, ma lui non fa sconti, anzi, pretende di più da me che dagli altri, mi strapazza”.

Il calciomercato non poteva non riguardare uno dei talenti più puri della Serie A: non è da escludere, infatti, un clamoroso ritorno di Cerci in viola. La Fiorentina non è certa di riuscire a blindare Cuadrado, giocatore sul taccuino di molti club, e l’ala potrebbe diventare protagonista di un effetto domino degli esterni sull’asse Torino (granata e Juventus) – Firenze. Speculazioni di mercato a parte, la certezza è che Cerci domenica sarà in campo contro la sua ex squadra alla caccia della prima doppia cifra in carriera in Serie A alla voce gol realizzati. La curva Maratona, Ventura e il C.t. azzurro Prandelli non vedono l’ora di festeggiare.

This entry was posted in Futura, Notizie, Sport. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>