È torinese il primo libro che si sfoglia come un videogioco

di Costanza Formenton e Federica Frola

Come si può insegnare ai bambini la passione per la lettura? Per rispondere a questa domanda Flavio Trione, programmatore e lettore entusiasta, ha creato ActiveBook, una piattaforma interattiva, nata a Torino e pensata per trasformare qualsiasi testo narrativo in un libro interattivo. “Circa un anno fa – racconta Paolo Nicoletti, co-ideatore – pensavo a come avvicinare mia figlia, che ha sette anni, al mondo della lettura. E’ allora che mi sono ricordato dei game book cartacei, molto diffusi negli anni ottanta. Questi libri davano la possibilità al lettore di scegliere tra diverse ipotesi di sviluppo della trama. L’ActiveBook supera questi modelli, non solo dal punto di vista grafico e tecnologico, ma diventando un’app, sviluppata secondo il linguaggio moderno dei videogame”.

Il primo progetto lanciato sulla piattaforma, realizzato dalla casa di produzione torinese Fix-a-Bug, da Trione, da Luca e Alessandro Blengino, da Paolo Manca e da Paolo Nicoletti, è “Il segreto di Castel Lupo”, libro interattivo pensato per i ragazzi dagli otto anni in su. La storia racconta di Simon e Violet, due ragazzi che, in vacanza nel maniero in Svizzera appena ereditato dai genitori, scoprono che all’interno del rudere è nascosto un tesoro. “La vicenda naturalmente ha un solo epilogo possibile – spiega Paolo Nicoletti – ma il protagonista può arrivarci attraverso molteplici strade. Non si tratta di un semplice videogame, perché ovviamente lo scopo è quello di spingere i ragazzi ad avvicinarsi alla lettura. L’interfaccia, infatti, è quella di un testo narrativo, dove alcune parole sono sottolineate e portano il lettore in altri ‘spazi’ del gioco”.

L’app del “Segreto di Castel Lupo” è gratuita ed è disponibile sia per Android sia per Apple, oltre che sul sito www.castellupo.it. “Al momento nella versione online è disponibile solo l’avatar di Simon – avverte Flavio Trione – ma durante il Salone del Libro, a cui parteciperemo, sarà lanciata la preview dell’episodio 1 con la giocatrice Violet”.

Alla Fiera, in programma al Lingotto dal 12 al 16 maggio, saranno infatti organizzati diversi workshop con gli studenti delle scuole torinesi. “Speriamo che i bambini si divertano – si augurano gli ideatori – chiederemo loro di giocare e leggere insieme il nostro book interattivo”.

Trione, Manca e Nicoletti hanno fondato l’azienda 3×1010, che si occupa di fornire alle imprese supporto necessario per i programmi tecnologici innovativi. “ActiveBook è un progetto a parte – spiegano – e non è pensato necessariamente per i ragazzi. Siamo attualmente in trattativa con alcune case editrici che vorrebbero trasformare alcuni prodotti editoriali in libri interattivi ispirati allo stesso principio”.

This entry was posted in Cultura, Notizie, Storie and tagged , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.