Ex Bertone, sindacati ancora divisi. Bellono: “Scendano dall’Aventino e si aprano al confronto”

“Quello che è successo ieri è un fatto negativo, un voler relegarsi sull’Aventino. Il fatto di essere una minoranza non può giustificare l’assenza di confronto e discussione”.

Così Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom, ha commentato l’assenza di Fim, Uilm e Fismic alla riunione della Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) della ex Bertone – oggi Officine Automobilistiche Grugliasco – convocata ieri pomeriggio dalla Fiom, sindacato maggioritario dello stabilimento.

Martedì prossimo – come è stato spiegato alla conferenza stampa indetta oggi da Cgil e Fiom – un altro delicato passaggio dovrà essere affrontato: l’incontro fra la Rsu e le istituzioni locali piemontesi, il sindaco di Torino Sergio Chiamparino e il presidente della Regione, Roberto Cota, per sensibilizzarli sulla vicenda.

“Coinvolgere le istituzioni è importante – ha spiegato Bellono – perché hanno una competenza di intervento, proposta e mediazione”.

Intanto, Fim e Fismic hanno inviato una richiesta di incontro urgente alla dirigenza dell’ex Bertone, “per la consegna di un testo conclusivo –si legge in un comunicato Fim- con cui avviare un referendum tra i lavoratori”.

Quello che auspica la Fiom sulla vicenda della ex Bertone è “un accordo che tenga conto delle esigenze dell’azienda e dei lavoratori, e che non sia una riproposizione dell’accordo firmato a Mirafiori”.

“Non possiamo concordare su questioni che abbiamo respinto altrove – continua Bellono – Credo che bisognerebbe far valere le peculiarità dell’azienda, diverse da quelle di Mirafiori e Pomigliano. Auspico che la trattativa riprenda, che anche la Fiat sia in grado di tener conto delle opinioni dei lavoratori e non solo dei sindacati e che le istituzioni chiamate in causa possano dare il loro contributo in questa direzione”.

This entry was posted in Futura, Notizie and tagged , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>