Il “Green Office” arriva a Torino

Un nuovo ufficio per la sostenibilità ambientale. L’Università di Torino ha deciso di inaugurare “Green Office”, il primo centro accademico ecologico in Italia. Il progetto prevede interventi su cinque tematiche: acquisti pubblici ecologici, cibo, energia, mobilità e rifiuti. Per ognuna di queste aree verrà istituito un gruppo di lavoro specifico.
Domani alle ore 12, nel Rettorato di via Verdi, Gianmaria Ajani esporrà il piano – per il quale si è attivato in prima persona – insieme al responsabile Egidio Dansero e ai vice rettore Sergio Scamuzzi e Marcello Baricco.

Il “Green Office” è già attivo in molti Paesi europei, tra cui Svezia, Germania, Inghilterra, Olanda e Belgio. Oltre a sostenere una svolta ecologista nell’attività delle Università, il progetto mira a espandere la sua influenza nella comunità locale, attraverso incontri pubblici e sensibilizzazione sul tema. Inoltre, viene promossa l’attivazione di nuove posizioni lavorative nei settori delle energie rinnovabili e della produzione industriale eco-sostenibile. La prima Università ad aver attivato l’ufficio è stata quella di Maastricht, nei Paesi Bassi: oggi sono 22 quelli attivi nell’Unione Europea.

This entry was posted in Cronaca, Futura, Notizie and tagged , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.