I parchi di Torino si trasformano in “Palestre a cielo aperto”

Consulenze mediche e sportive gratuite nei parchi torinesi per promuovere e sostenere l’attività fisica all’aria aperta.

È questo il cuore del progetto “Palestre a cielo aperto”, nato dalla collaborazione tra l‘Istituto di Medicina dello Sport di Torino, l’Arpa Piemonte e l’Esercito Italiano, nell’ambito di Torino 2015 Capitale Europea dello Sport.

“Il nostro è un progetto unico in Italia – ha dichiarato l’Assessore allo Sport del Comune di Torino Stefano Gallo in occasione della presentazione dell’iniziativa – molte città affermano che i loro parchi sono delle palestre a cielo aperto, noi abbiamo fatto in modo che quelli torinesi lo diventino veramente, con un’iniziativa concreta che fornisca ai cittadini i servizi di una vera palestra”.

Parco Ruffini, Piazza D’Armi e Parco del Valentino sono i luoghi coinvolti, dove i torinesi troveranno punti informativi e potranno registrarsi per effettuare controlli medici (come la misurazione della pressione o l’esame spirometrico) e test fisici di valutazione. Tutto sotto il controllo di medici e laureati in Scienze Motorie messi a disposizione dell’Istituto di Medicina dello Sport di Torino.

“In altre città europee questa iniziativa è già stata attuata con risultati sorprendenti – ha ricordato il direttore dell’Istituto Piero Astigiano – ci aspettiamo dai torinesi una risposta altrettanto importante, rammentando a tutti le bellezze della nostra città per far decollare ulteriormente questo progetto. Vogliamo coinvolgere tutti coloro che fanno attività fisica nei parchi cittadini e incrementare il numero di praticanti”.

L’Esercito metterà a disposizione olimpionici e campioni dello sport presso i punti informativi, che condivideranno con i cittadini la loro esperienza. L’Arpa, invece, fornirà un bollettino quotidiano dedicato (pubblicato sui siti Arpa e affisso nei parchi), contenente informazioni che andranno dalle semplici previsioni meteo alle concentrazioni di pollini e ozono nell’aria, con consigli sull’opportunità o meno di svolgere attività fisica.

“Noi ci occupiamo di qualità dell’aria – ha dichiarato il direttore generale di Arpa Piemonte Angelo Robotto – ma grazie alla sinergia con gli altri enti, anche di qualità della vita”.

This entry was posted in Cronaca, Futura, Notizie, Sport and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.