Il master compie dieci anni, nuova sede e nuovo anno

Taglio del nastro questa mattina per il Master in Giornalismo di Torino “Giorgio Bocca”, nella sua nuova sede di via Roero di Cortanze 5, all’interno di Palazzo Nuovo.

Il V biennio del master festeggia il decennale con un cambio di guardia alla direzione, il professore Peppino Ortoleva ha preso il posto di Gian Paolo Caprettini. Questa mattina l’inaugurazione, che ha accolto giornalisti, tutor, professori e amici, è stata l’occasione per riflettere e confrontarsi sul tema dell’università e futuro dell’informazione: il master costituisce il punto d’incontro tra questi due mondi e infatti la didattica vede la partecipazione di tutti i dipartimenti umanistici dell’ateneo.

Presente anche il Presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte Alberto Sinigaglia che non ha  mancato di incoraggiare i giovani alunni, anche in tempo di crisi “ritorneremo alla fiducia e alla forza contrattuale attraverso la qualità”.

La lectio è proseguita con le domande di Francesco Antonioli, giornalista del Sole 24 Ore, al Rettore Gian Maria Ajani circa il ruolo degli atenei con l’informazione ma anche il territorio e gli sbocchi professionali in ambito culturale. L’università è anche il punto d’incontro costruttivo che fa confrontare generazioni ormai allontanate da un divario tecnologico; ne è l’esempio l’evento Hackaton, convention di “smanettoni”, dal quale spesso emergono idee innovative. L’augurio è quello di proseguire una proficua collaborazione tra il master e l’università, tra la cultura accademica e il mondo dell’informazione e tra il sapere delle aule universitarie e il territorio.

This entry was posted in Futura, Notizie and tagged , , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>