Il paese del male: la sofferenza in Siria tra fanatismo e mancata rivoluzione

Domenico Quirico e il direttore de La Stampa Mario Calabresi incontreranno stasera il pubblico del Circolo dei lettori. L’appuntamento è per le 21 in via Bogino dove il reporter astigiano presenterà il libro Il paese del male, dove racconta la sua esperienza in Siria dove venne rapito lo scorso 9 aprile per essere liberato 152 giorni dopo.
Il paese del male
racconta di come la sia diventata fanatismo e odio, i giorni di prigionia diventano per l’inviato la testimonianza del fallimento dell’insurrezione che ha lasciato spazio all’acredine e alle barbarie.
I ricordi che Quirico ha trasferito sulla pagina parlano di “camere buie dove combattere contro il tempo e la paura e le umiliazioni, la fame, la mancanza di pietà, due false esecuzioni, due evasioni fallite, il silenzio; di Dio, della famiglia, degli altri, della vita. L’ostaggio piange e qui tutti ridono del suo dolore, considerato come prova di debolezza”
Mario Calabresi, mentre non si avevano notizie del collega, parlava del metodo Quirico di fare giornalismo: il rifiuto di avere documenti o telefoni satellitari per confondersi con i sostenitori della Primavera araba.
Le prime parole dopo la liberazione sono state proprio per il direttore del suo giornale: il reporter si è scusato per aver fatto preoccupare amici e colleghi, ma ha anche ribadito che la sua idea di giornalismo è proprio “andare dove la gente soffre e ogni tanto soffrire con loro”, la stessa sofferenza che ha raccolto ne Il paese del male e che racconterà stasera per condividere il male che c’è altrove e che tutti dovremmo conoscere.

 

This entry was posted in Cultura, Notizie, Storie and tagged , , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>