La scommessa vinta del Dado: dove l’integrazione dei rom è possibile

La struttura di Settimo Torinese

Quando arriva Babbo Natale a distribuire regali, i bambini schizzano giù per le scale. Entrano in casa, mostrano il dono ai genitori. Un attimo. Poi la porta sbatte di nuovo e loro tornano spediti in terrazzo. E’ un giorno di festa al Dado e nessuno vuole perdersene nemmeno un minuto. 

In questo condominio con la facciata gialla alla periferia di Settimo Torinese da quattro anni vivono famiglie rom strappate alla miseria dei campi abusivi. Niente più roulotte o alloggi di fortuna, stufe a gas e letti improvvisati. Qui tutti hanno il loro appartamento. E una serie di regole da rispettare: mandare i figli a scuola, trovare un lavoro, tenersi lontani dalla criminalità, pulire gli spazi comuni. Diritti e doveri. E’ questo il patto di cittadinanza con i volontari dell’associazione Terra del Fuoco.

Tutto comincia poco più di cinque anni fa a Borgaro, altro centro della cintura torinese a pochi chilometri da Settimo. In una fredda giornata di metà novembre, va a fuoco un campo nomadi. Centinaia di persone si ritrovano senza un posto in cui andare. Di loro si prende cura Terra del Fuoco. E’ allora che nasce l’idea del Dado. I volontari bussano alle porte dei Comuni della zona: serve uno stabile non utilizzato che i rom possano ristrutturare per poi andarci a vivere. Si chiama autorecupero. E’ una soluzione abitativa sostenibile molto diffusa all’estero ma poco in Italia. Dopo tanti no, arriva la prima risposta affermativa: è quella del sindaco di Settimo Aldo Corgiat. L’edificio di via Milano viene dato in concessione ai volontari. Il sogno diventa realtà e per tanti inizia una nuova vita. Oggi al Dado vivono 5 famiglie rom e 9 rifugiati politici.

Violeta, 22 anni, è lì da quattro. Con lei ci sono il padre, la madre, i due fratelli e la figlia più piccola. Prima stavano al campo di Borgaro. “Io non c’ero il giorno dell’incendio – ricorda – mi telefonò mia madre. Piangeva. Avevamo perso tutto”. I suoi genitori ora sono commercianti ambulanti, i fratelli adolescenti vanno a scuola. Anche lei studia: “Sto cercando di prendere la licenza media”. Nel frattempo si occupa della casa e della sua piccola di un anno e mezzo. L’altra, tre anni, è rimasta in Romania. “La lontananza è terribile ma qui mi trovo bene – continua – siamo perfettamente integrati”. E’ tranquilla Violeta, anche se sa che non potrà rimanere al Dado per sempre. Una volta raggiunta la stabilità economica il regolamento prevede infatti che le famiglie trovino un’altra sistemazione per permettere a nuovi inquilini di intraprendere il percorso di allontanamento dalle baraccopoli.

Da qualche settimana a Torino si è riacceso il dibattito sulla condizione dei nomadi in città. Una ragazzina inventa di essere stata violentata da due rom. E una fiaccolata di solidarietà si trasforma in un raid punitivo contro gli abitanti del campo della Continassa. Roulotte, tende, vestiti. Tutto viene dato alle fiamme. Un fatto di cronaca che ha riproposto il Dado come un esempio di buona integrazione.

“All’inizio non è stato facile. Abbiamo dovuto affrontare le reticenze dei cittadini di Settimo. La gente non riusciva ad accettare che una parte di città venisse regalata agli zingari”, spiega Oliviero Alotto, presidente di Terra del Fuoco. Ma loro, i volontari, non si sono arresi. E per fare breccia nel muro di ostilità che si sono trovati di fronte hanno chiesto aiuto alla vicina parrocchia di san Vincenzo De’ Paoli e alle insegnanti delle scuole cittadine. I bambini del Dado sono stati seguiti nell’apprendimento e per loro si sono aperte le porte dell’oratorio. “Poco a poco siamo riusciti a dimostrare che i rom non sono un problema ma una risorsa. Il clima è cambiato. Oggi c’è davvero integrazione”.

Il Dado un modello replicabile? “Io credo di sì – risponde Alotto – E’ l’unico modo per superare il problema dei campi rom abusivi. A Torino se ne parla da anni. Edifici non più utilizzati che si potrebbero ristrutturare usando l’autorecupero ce ne sono. Quello che serve è una forte volontà politica”. Ma anche il coraggio di fare scelte criticabili dai cittadini può non bastare. “Perché progetti di questo tipo abbiano successo e il rispetto della legalità si accompagni alla pura integrazione servono grandi risorse economiche e una forte collaborazione tra più soggetti istituzionali. Gli enti locali non possono agire da soli”, spiega Elide Tisi, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Torino.

Questioni complesse. Intanto il sole tramonta, la festa finisce e al Dado tutti tornano nelle loro stanze. Ma il miracolo di un’integrazione possibile continua.

This entry was posted in Cronaca, Futura, Notizie and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>