L’Atlantico in solitaria su una barca di sei metri

Alberto Bona ha ventisette anni e oggi parte per Guadalupe, attraversando l’Atlantico, a bordo di una barca a vela di soli sei metri e mezzo. “Sono nato e cresciuto in via Po, poi ho studiato filosofia a Palazzo Nuovo” racconta il giovane navigatore che attende lo start della regata, la Mini Transat, sui pontili del porto di Sada in Spagna. Il mare è entrato nella vita dello studente torinese attraverso la passione di un papà istruttore di vela nella storica scuola di Caprera in Sardegna, attraverso le vacanze di famiglia veleggiando in Grecia, ma soprattutto per un amore innato per l’adrenalina. Alberto infatti, quando era “costretto” in città, al nord, guardava anche alle montagne che da Torino si vedono così bene. E si è cimentato nell’agonismo sugli sci e poi sullo snowboard trovando anche uno sponsor per gare di free-ride e free-style.

Il vero amore però è il mare e lo dimostra l’aver avuto in tasca prima la patente nautica che quella per l’automobile. Così Alberto ha iniziato a lavorare come skipper, poi le regate, prima in classe laser, piccole imbarcazioni monoposto con una sola vela, e poi con quelle d’altura arrivando fino all’isola d’Elba per allenarsi e trovare un po’ di azzurro.

Lì il sogno della Mini Transat ha preso forma: l’acquisto della barca Onlinesim.it due anni fa, poi la qualificazione, la vittoria nella prima regata di classe internazionale e il titolo di campione italiano. Le tasche di Alberto sono già piene di esperienza, ma quando si parla di onde e vento non è mai abbastanza. Ora gli servirà anche una bella dose di coraggio perché l’Atlantico è lungo (la flotta impiegherà circa 25 giorni di navigazione). La Minitransat è una competizione minimalista, poca strumentazione e barche leggere, più vicina ad un’avventura che a una semplice regata. E chissà che Torino non leghi il suo nome a un bel risultato sportivo in alto mare.

This entry was posted in Notizie, Young and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>