L’ironia degli addobbi di Natale è made in Turin

“Portare ironia nella vita di tutti i giorni”. Le Palle di Natale, per Marta Valsania, servono a questo. Trentenne, torinese, laureata al Dams, Valsania cura la comunicazione dell’azienda di Torino che crea le Palle di Natale. “Certo, finiscilo pure”, “Per te questo e altro”, “È un piacere conoscere i tuoi”, sono alcune delle frasi fatte che i ragazzi di LePalle.it prendono dalla ‘ipocrisia’ comune e mettono su dischi da appendere all’albero di Natale ma anche su sottobicchieri, grembiuli, t-shirt, spillette e altri oggetti, tutti prodotti in Italia rispettando i principi di sostenibilità ambientale.

“Inizialmente la vendita era limitata al periodo natalizio  -  spiega Valsania  -  ma le frasi sono slegate dal Natale. Per questo abbiamo deciso di trasformarlo in un vero e proprio brand”. Non solo un’originale soluzione per i ritardatari della vigilia, dunque, ma anche una simpatica idea regalo per ogni occasione: “Il nostro obiettivo è diversificare cercando nuove idee da realizzare con partner attenti all’etica del prodotto sostenibile e del Made in Italy”. L’ultima idea di LePalle.it è il pacchetto Shopper+Shopping: una borsa per gli acquisti abbinata a due ore in compagnia della consulente d’immagine Giuseppina Sansone.

Il modello di sviluppo è incentrato sul network dal basso: “Stiamo costruendo una rete con giovani realtà italiane e piccole fiere di design e artigianato in giro per il Paese”, racconta Marta Valsania. In questo senso vanno le collaborazioni con 13sedicesimi, azienda torinese che crea agende personalizzabili, e Essent’ial, piccola casa di moda e oggettistica fondata sull’utilizzo di materiali non convenzionali.

Marta Valsania, che si occupa di comunicazione anche per il Festival delle colline torinesi e per Play with food, un festival di arti visive dedicato al cibo, sa bene quanto importanti siano i social network per la promozione di un’azienda giovane e innovativa come LePalle. it: “I social network hanno un ruolo molto importante; i nostri articoli sono giovani e freschi, e si prestano ai nuovi canali della comunicazione. Ci rivolgiamo principalmente a donne e uomini tra i 30 e i 50 anni, persone sensibili alla produzione italiana che rispetta l’ambiente. Nel giro di un anno abbiamo triplicato il numero di like sulla nostra pagina Facebook e duplicato gli accessi sul sito. Vogliamo far conoscere al maggior numero di persone possibile le nostre idee”.

This entry was posted in Notizie, Young and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.