‘Meravax’, nasce a Torino il vaccino per cani malati di tumore

Il progetto ‘Meravax’ è il vincitore dell’edizione 2016 di ‘Made in Research’, il business game per la creazione di imprese innovative, organizzato da 2i3T, l’Incubatore d’Impresa dell’Università di Torino. Si tratta di un vaccino innovativo per la cura del tumore dei cani, proposto dalla professoressa Federica Cavallo, dalla ricercatrice Federica Riccardo del dipartimento di biotecnologie molecolari e scienze per la salute, e dal professor Carlo Buracco di scienze veterinarie.
Attualmente le terapie disponibili per il trattamento di cani affetti da melanoma maligno prevedono un controllo locale del tumore con una radio-terapia o un intervento chirurgico associato alle cure, ma il tasso di sopravvivenza a un anno è solamente del 30 %. Con ‘Meravax’ si sposterebbe questa soglia al 73, ma la vaccinazione non si andrebbe a sostituire, anzi, si aggiungerebbe alle cure già esistenti. Un dato assolutamente positivo per i tanti amanti di questi animali a quattro zampe. Secondo lo studio ‘Eurispes 2013′ il numero dei cani allevati in casa è 6.900.000 e negli anni l’incidenza del cancro in questi ultimi è aumentata: si parla di un incremento del 150% dal 2001 a oggi.
‘Meravax’ è riuscito a imporsi su altri 17 progetti. Di questi, arrivati alla fase finale, ne sono stati premiati altri sei e gli ideatori avranno così la possibilità di sviluppare la propria proposta innovativa attraverso il tutoraggio nell’Incubatore. Nel settore agro-alimentare ha vinto ‘Vivisol’, che propone di limitare l’utilizzo di pesticidi, fertilizzanti e diserbanti, in modo da abbattere la biodiversità microbica del suolo. Nel settore digitale e industriale il vincitore è ‘Prolab’, il laboratorio che si occupa di materiali polimerici innovativi, formulati su misura per il cliente, e ‘Dhermetia’, che propone lo sviluppo di materie prime di origine naturale da utilizzare nel settore della cosmesi. Nel settore sociale, ‘E-Healt’ è l’app premiata che è dedicata alle future mamme in gravidanza, mentre per l’ambito di scienze della salute ‘Frdb’ è un’applicazione che mostra in tempo reale i valori nutrizionali e quelli personalizzati di insulina necessaria, dedicata a chi mangia in mense o ristoranti. ‘Art of Excellence’, nell’ambito culturale, propone un format di marketing non convenzionale permettendo ad aziende piccole e medie di promuoversi attraverso il canale della cultura e dell’arte contemporanea.

This entry was posted in Cronaca, Futura, Notizie, Scienza and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.