Passepartout, Asti celebra il secolo della donna

Manifesto sovietico del 1932

“L’8 marzo è il giorno della ribellione delle donne lavoratrici contro la schiavitù dai fornelli” si legge su un poster sovietico dei primi anni ’30. In ogni stato e in ogni epoca storica e politica la festa della donna è stata interpretata e declinata in modi diversi, ma una cosa è certa: un secolo è passato da quando nel 1911 per la prima volta in Europa (Germania, Austria, Svizzera, Danimarca e Francia in prima linea), fu celebrata la Giornata internazionale della donna, il Women’s Day che negli Stati Uniti veniva organizzata già da due anni.

Dalle rivendicazioni delle prime attiviste alle quote rosa, dai primi anni del ’900 a oggi, dall’esclusione alle pari opportunità: come è cambiato il ruolo della donna negli ultimi cento anni? L’occasione per discuterne è il festival “Passepartout. 1911-2011: il secolo della donna. Dall’esclusione alle pari opportunità”, che si svolgerà ad Asti dall’11 al 19 giugno. Tra i protagonisti che si alterneranno nei numerosi confronti organizzati: Philippe Daverio, Inge Feltrinelli, Luciano Violante, Isabella Bossi Fedrigotti, Bice Biagi, Edoardo Raspelli, Stella Pende, Margherita Oggero, Paola Mastrocola, Sebastiano Vassalli, Lilia Zaouali, Younis Tawfik, Debora Caprioglio, Paola Quattrini e Corrado Tedeschi.

La kermesse si annuncia però non come un’apologia del femminismo, né una “rassegna al femminile”, ma come un momento per porre domande e proporre riflessioni che investono gli aspetti di costume, artistici, teatrali, politici ed economici che hanno caratterizzato il XX secolo. Ma Passepartout non è solo incontri e dibattiti, pensieri e parole: il calendario del festival astigiano prevede infatti anche un corso di giornalismo, spettacoli e letture.

Ad anticipare la settimana astigiana è il filosofo Stefano Zecchi, che mercoledì 8 giugno alle 18.00 interviene alla Biblioteca Astense in corso Alfieri angolo Via Goltieri, con una lectio dal titolo “La donna e la Bellezza”. Tutte le informazioni sul programma di Passepartout – Pensieri & Parole sul sito www.passepartoutfestival.it

This entry was posted in Cultura, Notizie and tagged , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>