Piano-sanitario Cota: più efficienza e 150 milioni in meno

I tagli alla sanità ci saranno. Sono 150 i milioni che la giunta Cota toglierà dal bilancio sulla sanità del 2011.

Le aziende che saranno accorpate sono sostanzialmente quelle del torinese. Le due Asl della città di Torino si concentreranno in una sola. E anche le aziende ospedaliere delle Molinette, del Cto, del Sant’Anna e del Regina Margherita confluiranno in una un’unica azienda ospedaliera. È quindi Torino ad essere al centro dell’attenzione della giunta Cota.

Ieri mattina si è tenuta la seduta straordinaria del consiglio regionale sul piano sanitario a Palazzo Lascaris di Torino. Al termine della seduta, Cota ha dichiarato ai microfoni di Extracampus: “Le Asl non vengono chiuse. Queste riforma prevede un meccanismo nuovo di messa in rete degli ospedali. Verranno realizzati due obbiettivi: si  taglieranno gli sprechi, si farà in modo che la spesa sanitaria non vada fuori controllo e si migliorerà l’efficienza dei servizi. Bisogna intervenire oggi razionalizzando e tagliando gli sprechi. Questi non sono tagli, sono razionalizzazioni. Gli ospedali piccoli non vengono chiusi ma messi in una rete dove s’individua chiaramente chi fa che cosa”.

Diverso il parere dell’opposizione che sostiene invece l’esistenza dei tagli. L’ex assessore alla Sanità, Eleonora Artesio, ha dichiarato: “Il timore è che mentre si fa molta propaganda sui nuovi primari manager e sui risparmi derivanti dall’accorpamento, la vita reale dei cittadini e delle persone che hanno bisogno peggiorerà. L’interesse delle persone è che su un servizio fondamentale come la salute si continui ad investire almeno nella misura precedente”.

This entry was posted in Notizie and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>