Scoppio in fabbrica: indagato il titolare dell’ azienda

Sergio Marchiaro, 57 anni, titolare della Lafumet di Villastellone

Disastro e lesioni colposi: queste le ipotesi di reato con cui Sergio Marchiaro, 57 anni, titolare della Lafumet di Villastellone (Torino) é stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Torino. Il pm Raffaele Guariniello, che aveva aperto un fascicolo contro ignoti, ha incontrato oggi i funzionari dell’Asl di zona e i consulenti tecnici inviati sul luogo dell’incidente.

C’è anche una buona notizia: Abdellah Elqamari, 38 anni, il meno grave tra i cinque ustionati negli scoppi è stato dimesso dall’ospedale Cto di Torino, dove era stato ricoverato in osservazione. Tra i quattro suoi colleghi, che erano arrivati in codice rosso, sono migliorate le condizioni di Ahmed Badreddine, 42 anni, che è stato estubato e verrà trasferito dal reparto grandi ustionati al centro ustioni dell’ospedale. Le condizioni degli altri tre ustionati sono stabili. Hassan Kharbouche, 38 anni, verrà invece operato il prossimo lunedì per l’asportazione di tessuti ustionati. Per Mustapha Ganfoudi, 47 anni, i medici non si sbilanciano; mentre sulle condizioni di Bechir Guizani, 47 anni, c’è cauto ottimismo: si sta valutando l’estubazione. Stamani i quattro ustionati hanno ricevuto la visita dei rappresentanti dell’Ambasciata e del Consolato del Marocco.

This entry was posted in Cronaca, Lavoro, Notizie and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>