Summer camp: tra sport, cinema e narrazione

Un’estate per entrare in contatto col cinema, la narrazione e lo sport. A Torino, ma anche a Bardonecchia e a Cavandone, tornano i programmi estivi per bambini e ragazzi. Si inizia il 13 giugno con due progetti, il We Camp CUS Torino e il Cinema Summer School.

Il primo, per partecipanti dai 6 ai 18 anni, propone sette discipline in cui vivere lo sport dal punto di vista pedagogico, formativo e sociale. Sono molte le alternative tra cui scegliere: basket, volley, rugby, lotta, karate, beach volley, arrampicata, ognuna delle quali avrà coach d’eccezione, come l’allenatore dell’Auxilium Torino Francesco Vitucci per la pallacanestro, il tre volte campione del mondo Ferdinando de Giorgi per la pallavolo e la cintura nera Vincenzo Figuccio, tre volte iridato nella specialità del Kata a squadre. Il “We Camp” si svolgerà fino al 15 luglio a Torino e Bardonecchia.

Il secondo, invece, dura per più di un mese, fino al 22 luglio, e coinvolge i bambini degli ultimi tre anni delle elementari e delle medie per avvicinarli ai linguaggi cinematografici e allo spirito creativo. Il progetto della “Cinema summer school”, alla sua prima edizione, avrà la sua base operativa alla Scuola Boncompagni di via Vidua, nel quartiere San Donato, e coniugherà arte e metropoli. La prima settimana, infatti, sarà dedicata alla città: i ragazzi realizzeranno dei video su Torino, facendo riprese o creando modelli 3D di carta. Nelle altre settimane, invece, il lavoro si concentrerà sulla fantasia dei partecipanti, sulla scrittura delle sceneggiature e sulla scienza e lo sport, raccontati attraverso filmati, foto, disegni.

Alla settima arte è dedicato anche “Shooting Torino”, un progetto didattico che coinvolge giovani videomaker italiani e stranieri. Il programma è diviso in due sezioni: “Virtual in the city”, dal 10 al 31 luglio, e “Semestre Cinema”, che si svolge in primavera e in autunno per dare la possibilità agli studenti internazionali di partecipare ai festival cinematografici torinesi. Il protagonista, oltre alle sceneggiature, lo storytelling, le riprese, sarà il capoluogo piemontese. I progetti alterneranno una parte concettuale e teorica a una pratica, e i prodotti di “Semestre Cinema” saranno proiettati in un’apposita sezione di un festival del cinema.

Dedicato a un’altra narrazione, quella scritta, è “7 minuti dopo mezzanotte”, che si svolgerà dal 2 al 9 luglio a Cavandone, nel verbanese, per ragazzi dai 14 ai 16 anni. Il camp avrà come punto focale le parole, su carta, in musica, nei fumetti, nei blog, sulle rete, e le immagini, nelle fotografie e sui muri. Durante la settimana, i giovani saranno seguiti dallo scrittore Fabio Geda, autore di romanzi per adulti e adolescenti, dalla pubblicitaria Serenella Sciortino, dalla libraria Sara Lanfranco e dal giornalista scientifico Andrea Vico, che aiuteranno i partecipanti a conoscere il mondo della comunicazione in tutte le sue forme, e a capire quanto sia importante il linguaggio per noi stessi e per il mondo che ci circonda.

This entry was posted in Notizie, Young and tagged , , , , , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.