Futura

05/04/2016

Maurizio Molinari incontra gli studenti del Campus San Paolo

Filed under: Cronaca,Futura,Notizie — Tag:, , , , , , , , — Davide Urietti @ 10:42

Il nuovo Campus San Paolo accoglie dal 25 settembre, in via Caraglio 97, gli studenti fuori sede. Multicolore, squadrata tanto da sembrare un’astronave “ma in realtà è molto di più – sottolinea Gianluca Cuccia, il responsabile della residenza universitaria – perché si integra perfettamente sul territorio. La struttura non deve considerarsi estranea al luogo in cui si trova, anzi cerchiamo di proporre sempre nuove attività per coinvolgere il quartiere”. Ad esempio, domani alle 18.30, il direttore de ‘La Stampa’, Maurizio Molinari, dialogherà con studenti e residenti del quartiere, mentre il 25 aprile proprio davanti al Campus ci sarà il ritrovo per la gara di ciclismo ‘Pedalata resistente’ al Colle del Lys.

L’accoglienza, così come la voglia di integrarsi, è di casa nella residenza San Paolo. Nel corso di questi mesi i numerosi studenti, che popolano la struttura e provengono da ogni parte del mondo grazie ai progetti Erasmus, sono entrati in contatto con le diverse culture. “Questo si è tradotto in una particolare convivenza – prosegue Cuccia -. In cucina ognuno di loro prepara e mette a disposizione i piatti tipici della propria tradizione, dai ravioli al vapore cinesi agli arancini siciliani. Il tutto è nato in maniera casuale per via dell’organizzazione della struttura: i fornelli sono disposti uno di fronte all’altro, in stile Masterchef, e questo inevitabilmente avvicina i diversi modi di cucinare. Si tratta del momento in cui le differenze possono incontrarsi, durante il Capodanno cinese alcuni ragazzi erano collegati via Skype con i propri genitori per preparare al meglio le pietanze”. E proprio i genitori hanno uno spazio dedicato all’interno della struttura perché dei 535 posti letto presenti, 82 fanno parte dell’hotel che permette di accogliere i visitatori. “Oltre a questo è presente anche un’aula studio – continua Cuccia – che permette a tutti gli studenti del territorio di non recarsi per forza in centro. Chiunque abiti nella zona del Politecnico sarà quindi incentivato a raggiungere quella del Campus, favorendo quindi l’inserimento della residenza all’interno del luogo”.

Integrazione nella città non solo per la struttura universitaria, ma anche per gli stessi universitari. “L’intenzione – conclude il responsabile – è di permettere a chi prima praticava sport a livello agonistico di continuare a farlo. Per questo cercheremo una convenzione con il CUS per fare in modo che i nostri studenti possano entrare a far parte delle loro squadre”. Le premesse sono buone come dimostra il caso di Dunya Bonjoch, spagnola, che adesso fa parte della formazione di calcio a 5 femminile.

24/02/2016

UniTo- Compagnia di San Paolo: tutti i vantaggi del nuovo sodalizio

Filed under: Notizie,Scienza — Tag:, , , , , — Maria Teresa Giannini @ 12:52

Quella per la ricerca e l’innovazione è ormai una continua gara fra università, in cui a vincere sono soprattutto gli atenei capaci di fare sinergia con i soggetti privati.

Un fiore all’occhiello su cui l’Università è pronta a puntare è l’ampliamento del Centro di Biotecnologie e Medicina Traslazionale, una nuova tecnica medica che parte da una problematica clinica e cerca di capire le cause molecolari, in modo da trovare la giusta cura. Un approccio che permetterebbe d evitare la prescrizione di terapie inutili, incanalare meglio la spesa sanitaria e consentirebbe una triangolazione virtuosa clinica-diagnosi-clinica. Una struttura  che si propone di trasformarsi in un hub sia per gli studenti sia per tutte le figure professionali che gravitano attorno al mondo universitario e farmaceutico.
L’idea è nata in maniera embrionale nel 2001, quando è stato decodificato per la prima volta il genoma umano. Ma grazie al nuovo investimento della Compagnia e dell’Università, entro la fine di agosoto, il Centro passerà da 5 mila a 12 mila metri di cubatura.   Lo stanziamento ammonta a 20 milioni di euro, nello specifico 15 dalla Regione Piemonte – ottenuti da fondi europei – e 5 dalla Compagnia e diventerà la parte sperimentale della futura “Città della Salute”.

L’altra priorità dell’Università, il Campus di Grugliasco, dove si spera che possa essere insediata Chimica e il dipartimento di Scienze e tecnologie del farmaco; “una nuova sede, necessaria a sostituire le attuali che non sono più adatte a fare ricerca di punta”, spiega il Vice Rettore dell’Università, responsabile per la ricerca, Federico Bussolino, che è docente di Biochimica presso la Facoltà di Medicina. “La firma della convenzione fra UniTo e Compagnia di San Poalo è senz’altro strategica – sostiene Bussolino – Di fronte alla scarsità di finanziamenti pubblici, nella nostra università l’insegnamento e la ricerca rischierebbero di essere completamente slegati. Invece per essere un’università di successo deve collegare le due attività e, a loro volta, avviarle verso il mondo delle professioni”.

Powered by WordPress