Futura

21/06/2016

#ComunicaCirco, un workshop targato Mirabilia

Filed under: Notizie,Young — Tag:, , , , , , — Azzurra Giorgi @ 13:44

Si possono raccontare storie attraverso i social media? La risposta è sì. Lo stanno facendo le aziende e, più recentemente, anche musei e festival. Come Mirabilia, manifestazione che raccoglierà artisti circensi italiani e internazionali in varie città della provincia di Cuneo fino al 10 luglio.

In questo caso a raccontare le performances ci sarà #ComunicaCirco, un workshop realizzato nell’ambito del progetto “Quinta parete”, il cui obiettivo è coinvolgere e formare il pubblico. Gli spettatori, in questo caso, diventeranno protagonisti raccontando la propria storia attraverso Facebook, Twitter, Instagram, Vine e Storify: “Ci sarà una parte teorica e poi andremo a fare incursione in alcuni eventi. L’idea è non soltanto quella di mettere in pratica le cose dette a lezione, ma raccontare una storia personale e simulare anche quella che potrebbe essere l’attività di un futuro social media manager” dice Simone Pacini, giovane creatore del blog “Fatti di Teatro” e con un’esperienza decennale in comunicazione, organizzazione e formazione in ambito culturale, soprattutto teatrale.

I tre workshop, dalla durata di tre giorni ciascuno e per i quali ci si può iscrivere fino al 30 giugno, sono aperti a chiunque, a prescindere dalle capacità pregresse: “È bello mescolare le conoscenze, se qualcuno ha capacità grafiche o di video editing ne farò tesoro. Lo scopo è un intrattenimento educativo: i cellulari li abbiamo sempre in tasca, quindi è giusto usarli anche in maniera intelligente e non soltanto per cose futili. L’idea mi è venuta da un precedente progetto con una compagnia circense di Roma: mi colpì il fatto che il presentatore avesse chiesto di non fare foto col flash, e non fotografie in generale come succede a teatro. Allora ho pensato che per uno spettatore potesse essere interessante non soltanto riprendere l’artista, ma il dettaglio, l’oggetto particolare, creando così un racconto della sua esperienza”, afferma Pacini.

Recentemente, i social vengono utilizzati sempre di più anche nell’ambito culturale: a Torino lo hanno fatto i musei con il progetto #museuminstaswap, ma non solo. Venaria, ad esempio, con #Empty, ha chiamato otto “instagrammers” locali per raccontare, in un giorno di chiusura, la Reggia attraverso Instagram.

E a questo mondo, seppur più lentamente, si stanno avvicinando anche i teatri: “I teatri dell’opera, come il “Teatro Alla Scala”, il “San Carlo”, l’”Arena di Verona”, il “Maggio Musicale Fiorentino”, sono molto più social di quelli di prosa come il “Teatro di Roma”, “La Pergola” a Firenze e i teatri Nazionali che forse fanno più fatica a capirne le dinamiche anche per motivi generazionali”, conclude Pacini.

Powered by WordPress