Torino sale in autobus per ricordare Rosa Parks

Alabama, 1 dicembre 1955: Rosa Parks, stanca dopo una giornata di lavoro, rifiuta di cedere il suo posto sull’autobus a un bianco. Un gesto semplice, ma in grado di cambiare per sempre il corso della storia dei diritti civili. Oggi, a 60 anni di distanza, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali sceglie di ricordare la donna conosciuta come ‘la madre del movimento dei diritti civili’ lanciando la campagna Al Posto Giusto: tra martedì 1 e domenica 6 dicembre molte città saranno attraversate da autobus e tram su cui campeggerà la scritta ’60 Rosa Parks’. Alcuni di essi ospiteranno artisti, attori, scrittori e migranti di diverse generazioni, che parleranno di discriminazione e racconteranno ai passeggeri la storia di Rosa Parks.

Tra le città che hanno aderito all’iniziativa c’è anche Torino: domani alle 16, in piazza Castello, partirà un autobus che percorrerà il tragitto storico della linea 7. Il percorso sarà dedicato alla lettura alcuni racconti tratti dalle antologie del Concorso letterario nazionale Lingua Madre, dedicato alle donne straniere residenti in Italia che vogliono approfondire il rapporto fra identità e radici. All’iniziativa parteciperanno, fra gli altri, Maria Abbebu Viarengo, presidente del Centro Interculturale AlmaTerra di Torino e Daniela Finocchi, giornalista e ideatrice del concorso letterario Lingua Madre. L’evento è promosso da Mibact, Miur, Unar e Anci e per Torino è coordinato dalle Biblioteche civiche torinesi e da Lingua Madre, in collaborazione con i volontari del Servizio civile nazionale.

This entry was posted in Cultura, Notizie. Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.