Torino, il mercato è Immobile

Per il momento l’unica cosa certa è che i granata ripartiranno per il quarto campionato di fila da Giampiero Ventura. Dopo la qualificazione all’Europa League solamente sfiorata – ma il sogno dei tifosi potrebbe diventare realtà se al Parma non sarà concessa la licenza Uefa – l’allenatore, infatti, sarà alla guida del Torino anche il prossimo anno, per tentare di ripetersi.

Un’impresa complicata per due fattori. Innanzitutto difficilmente le grandi che hanno fallito quest’anno ripeteranno il flop. In secondo luogo perché l’ottimo campionato granata ha mosso l’interesse su diversi giocatori. Per primo Ciro Immobile: con 22 reti e il titolo di capocannoniere, l’attaccante ha attirato su di sé l’attenzione dei grandi club europei che gli garantiscono un posto in Champions League. Dopo il noto corteggiamento del Borussia Dortmund – il tecnico Jürgen Klopp vede in lui l’ideale sostituto di Robert Lewandowski –, si sono fatti vivi anche il nuovo Barcellona di Luis Enrique e i vice-campioni europei dell’Atletico Madrid. La situazione non è delle più facili: il cartellino di Immobile è in comproprietà con la Juventus e, prima di un’eventuale cessione, i due club dovranno trovare un accordo. Inoltre, i bianconeri hanno già intavolato una trattativa con i blaugrana per Alexis Sanchez e l’attaccante potrebbe essere la giusta pedina di scambio. Anche Alessio Cerci, croce e delizia di questa stagione, potrebbe lasciare il Torino: oltre all’interesse (di vecchia data) della Juventus – sarebbe l’ideale per il nuovo 4-3-3 di Antonio Conte – pure la Roma tiene d’occhio la situazione.

La società granata, nel frattempo, inizia a guardarsi intorno. Il primo nome sul taccuino del ds Petrachi è Josef Martinez, 21enne jolly offensivo venezuelano dello Young Boys. I rapporti tra i due club sono ottimi, anche dopo la trattativa che ha portato Farnerud al Torino. L’unico problema riguarda lo status di extracomunitario del centravanti: per poterlo ingaggiare si dovrà cedere uno tra Guillermo Rodriguez e Marko Vesovic.

Sempre per l’attacco, il Torino segue da vicino il giovane talento uruguaiano Nico Lopez, in comproprietà tra Roma e Udinese, oltre a Khouma Babacar, 21enne senegalese di proprietà della Fiorentina che quest’anno sta facendo tanto bene in serie B con il Modena (20 reti in 35 partite).

A centrocampo l’idea nuova porta è il ghanese Isaac Cofie, classe ’91 di proprietà del Genoa, insieme al ritorno di Alen Stevanovic, che ha trovato poco spazio con il Palermo. In difesa, invece, sono già stati messi a segno alcuni importanti colpi: dopo il rinnovo del capitano Kamil Glik, anche il portiere Daniele Padelli ha prolungato fino al 2017. Due conferme che si aggiungono al centrale svedese Pontus Jansson, già acquistato. E a breve potrebbe essere l’ora  dell’esterno brasiliano Bruno Peres, del Santos.

This entry was posted in Futura, Notizie, Sport and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>