Torino vista dall’alto, una mostra per capire come la città ha cambiato fisionomia

Dal Lingotto a Piazza Castello, dalla collina di Superga a Rivoli, dal polo Reale a Barriera di Milano. I villini della Crocetta e i quartieri dell’immigrazione. Monumenti, fabbriche, parchi. La mostra multimediale “Vista dall’alto” che apre al pubblico oggi presso l’Urban Center Metropolitano di piazza Palazzo di Città 8f (orari di visita: lunedì 15.00 -18.00, da martedì a venerdì 11.00-18.00) racconta come è cambiata Torino in 77 anni, dal 1936 al 2013.

La fisionomia della città è mutata – e di molto – in più di mezzo secolo. E i visitatori potranno scoprire la trasformazione individuando un’area o addirittura scegliendo uno specifico indirizzo: appariranno le immagini dei 15 voli aerei cittadini durante i quali sono state scattate la fotografie che mostreranno quali interventi sono avvenuti sulla zona, oppure selezionare un anno specifico. Cosa c’era in quel rettangolo tra corso Vittorio Emanuele e corso Inghilterra prima che venisse costruito il grattacielo San Paolo? Come sono cambiati Santa Rita e Mirafiori? Perchè la presenza di aree annerite o tagliate in corrispondenza di caserme o punti considerati strategici? Quando sono stati edificati i palazzoni di Falchera e delle Vallette?

“Vista dall’alto” soddisferà queste e tante altre curiosità su Torino e la sua evoluzione urbanistica mostrando migliaia di immagini d’archivio realizzate durante i voli fotogrammetrici e rese consultabili al pubblico mediante mappe navigabili: con la collaborazione tecnica del CSI Piemonte che ha realizzato uno strumento di navigazione e visualizzazione basato sul programma open-source QGIS. Si tratta di un softfware di consultazione premiato nel corso della XIX conferenza Asita 2015 (Federazione Italiana delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali e Ambientali), appuntamento nazionale scientifico-tecnologico ospitato lo scorso settembre al Polo di Lecco del Politecnico di Milano e dedicato allo scambio di informazioni e al confronto tra associazioni, enti e altri soggetti che si occupano di rilevamento, gestione e rappresentazione di dati relativi a territorio e ambiente.

Per maggiori informazioni: www.urbancenter.to.it

 

 

 

This entry was posted in Cultura, Futura, Notizie and tagged , . Bookmark the permalink. Comments are closed, but you can leave a trackback: Trackback URL.