Un tram dismesso che diventa arte

Spazi urbani che diventano luoghi di incontro, scambio, sperimentazione e creazione. Un vecchio vagone di un tram, rinominato “il Bivacco” e posizionato su un tratto di binario inattivo, nella rotonda tra C.so Regio Parco e  C.so Verona, che ha ospitato gli artisti Nico Dockx, Pol Matthè, Helena Sidiropoulos e Jochem Vanden Ecker. Durante la loro residenza il gruppo di lavoro ha sviluppato il progetto denominato “Rotonda Fluttuante” che ha coinvolto artisti, studiosi, critici, studenti e persone comuni interessate a dare il proprio contributo e restituire a fine progetto una rinnovata rotonda alla città. L’idea del tram, promossa dall’associazione Diogene, si basa sul concetto di abitare e modellare spazi pubblici e privati. Come i bivacchi montani, che adattandosi alla morfologia dei luoghi usano le forme preesistenti fornite dai ripari naturali, Diogene-bivaccourbano prende forma usufruendo dei vuoti tra il già costruito e il disabitato, tra l’interno e l’esterno, tra spazi pubblici e spazi privati. “L’abitare questi siti avvalendosi di semplici moduli abitativi auto costruiti – spiegano gli organizzatori – è un atteggiamento non decifrabile come esperimento estremo di sopravvivenza, ma piuttosto come intenzione di rapportarsi alla città”.

tram

Questa sera, giovedì 19, nell’area della “Rotonda Fluttuante” viene presentata una performance sonora sperimentale e contemporanea per coinvolgere chiunque si presenti. Venerdì 20, la strada si trasforma in un museo: verranno proiettati alcuni lavori di videoarte selezionati dalla collezione del Museo di Arte Contemporanea Castello di Rivoli. E una volta che il progetto volgerà al termine il tram non partirà, ma per quattro anni diventerà la sede per ospitare incontri, mostre, workshop e conferenze.

This entry was posted in Cultura, Notizie and tagged , , , , . Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>