Unioncamere: “Imprese in rosa meglio di quelle maschili”

Emma Marcegaglia è un esempio di imprenditoria femminile di successo

Donna fa rima con impresa. E i dati pubblicati dall’Osservatorio femminile di Unioncamere confermano il buon andamento delle aziende guidate da imprenditrici. A fine dicembre 2011 erano quasi 7 mila (6.807) le aziende femminili in più rispetto al 2010, con un incremento dello 0.5%.

A dare maggior significato a questo dato –  sottolinea il rapporto – c’é il fatto che tale saldo compensa più che completamente la performance poco brillante delle imprese al maschile che, nel 2011, hanno fatto registrare un bilancio in rosso per circa 6 mila unità (-5.950 pari ad un -0,1%). Grazie al bilancio positivo, lo stock delle imprese femminili esistenti alla fine del 2011 poteva contare su 1.433.863 imprese, pari al 23,5% del totale delle imprese italiane.
Un dato positivo: le regioni centro-meridionali si confermano leader quanto a presenza di imprese rosa: Molise (dove superano il 30% del totale), Basilicata (27,8%), Abruzzo (27,7%) e Campania (26,8%).

“Questi dati – commenta il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello – tratteggiano un universo femminile che sta lottando con tutte le sue forze contro la crisi e che dimostra di saper resistere con orgoglio. Le donne rappresentano un patrimonio di competenze spesso più elevate rispetto a quelle maschili, che va assolutamente promosso e incoraggiato”.

Per questo, aggiunge, “credo che nelle iniziative che si stanno discutendo per sostenere la crescita, una grande attenzione vada posta a tutti quegli strumenti, innanzitutto di welfare ma anche di tipo finanziario, che possono facilitare l’impegno delle donne nelle attività economiche”

Il rapporto di Unioncamere fotografa le aziende guidate da donne, ma non necessariamente composte da sole donne.

This entry was posted in Cronaca, Lavoro, Notizie. Bookmark the permalink. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Scrivi un Commento

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>